Passa ai contenuti principali

Insieme Raccontiamo 3: la fata del fuoco


Questo, con gli anni, è diventato un blog dove si parla prevalentemente di craft, di lavoretti e di creatività. Così, magari, a qualcuno può sembrare strano che io mi metta a scrivere, di domenica sera, il finale di un racconto.

Anche raccontare e inventare storie è però una attività creativa e quindi eccomi qui a giocare anche io!

Quale gioco direte voi? Quello di Patricia Moll che ogni 20 del mese scrive sul suo blog l'incipit di un racconto e chiede ai suoi amici di completare la storia con una sola, semplice regola: scrivere il finale in 200/300 battute o in 200/300 parole.

Io questa volta, per ringraziare Patricia della sua bellissima filastrocca e perché a me le sfide creative mi piacciono molto, sono qui a scrivere il mio finale.

Prima, però, perché il racconto abbia un senso, scrivo qui anche l'incipit di Patricia.

Seduta sul dondolo il tazzone di tè al gelsomino fumante tra le mani, guardava il fuoco nel camino. Le fiamme giocavano allegre a creare strane figure. Fiori, alberi, fate, una porta.
Ma oltre la porta una figura vagamente umana faceva cenno di seguirla. Come in trance, si alzò e andò verso di lei.
 
Ed ecco il mio finale
 
Una scintilla di fu sufficiente per trasportare la signora nel mondo fatato. Tante volte, da piccola, c'era già stata. Poi, per tanto tempo, l'incantesimo si era interrotto. Troppe preoccupazioni le avevano fatto dimenticare la magia dell'immaginazione. La "pioggia di fuoco" la fece tornare bambina e decise di abbandonarsi all'immaginazione.

Commenti

  1. E hai fatto benissimo Barbara!
    Il tuo oltre che un finale è una grande verità. MAI E POI MAI dimenticarsi della fantasia e dell'immaginazione. Ogni tanto almeno spolverarle e metterle in funzione. Ci dà sollievo!
    Grazie della partecipazione e al prossimo mese... :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Patricia. Ci sarò anche il prossimo mese, prometto! Ora sono curiosa di leggere tutti i finali uno di fila all'altro.

      Elimina
  2. Troppo bello e dolce Barbara ...mi piace tanto il tuo racconto ... e anche sognare .... bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi... serve sognare, fa bene allo spirito!

      Elimina
  3. Finale dolce, Barbara... Come te, da quello che intuisco :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto più spigolosa di quello che sembra :)

      Elimina
  4. Bravissima Barbara.
    Mai dimenticare l'immaginazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?