Passa ai contenuti principali

Tegola disegnata


Questa estate, dopo tanto tempo, l'Ometto ed io siamo tornati a lavorare insieme. Il pretesto è stato creare una targa da appendere fuori alla porta della casa in campagna.

L'interesse dell'Ometto si è subito acceso e con esso anche il suo entusiasmo.

Siamo allora partiti con la SCELTA DEL MATERIALE.

Abbiamo fatto un giretto in cantina, ma non abbiamo trovato nulla di adatto. Mi sono ricordata, però, che da qualche parte dovevano esserci le vecchie tegole, rimanenze di quando era stato rifatto il tetto. Le abbiamo trovate nel retro della casa.

Abbiamo scelto quella che ci piaceva di più (la meno rovinata) e ci siamo messi al lavoro.

Prima di tutto abbiamo pulito la tegola: secchio sapone spazzola e olio di gomito.



Tolte tutte le impurità abbiamo risciacquato il coppo e lo abbiamo messo al sole ad asciugare.

Intanto che si asciugava noi siamo passati alla seconda fase: IL PROGETTO.

Matita e foglio alla mano l'Ometto si è messo a disegnare. Dopo alcuni tentativi e ripensamenti ne è uscito fuori un bambino che teneva in mano un soffione.

A questo punto non ci rimaneva altro da fare che passare alla terza fase: LA REALIZZAZIONE.

Il disegno fatto dall'Ometto era bellissimo, ma in campagna non avevamo a disposizione la carta carbone per riportarlo fedelmente sulla tegola e allora ho proposto all'Ometto di ridisegnare il bambino sul coppo cercando di farlo simile al disegno.

E devo dire che l'Ometto, che ha fatto una cosa che di solito detesta (fare due disegni uguali) è stato bravo.



Per colorare il disegno avevamo a disposizione solo le matite colorate e ci siamo adeguati. Il soffione disegnato a matita è stato cancellato e ridisegnato con la matita bianca.



Alla base del coppo abbiamo scritto "Casa di F..."

Ho passato una mano di vernice protettiva trasparente e ho lasciato asciugare.

Poi è bastato uno stop fuori dalla porta di casa.

Commenti

  1. Che bello realizzare piccoli progetti coi propri cuccioli!
    Le tegole sono un mio vecchio amore, le decoravo con la tecnica del decoupage pittorico, (è stato così che ho scoperto che gli acrilici scoloriscono al sole e il flatting diventa giallognolo) .
    Complimeti per la creatività!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi io ho usato il flatting... speriamo che non diventi troppo giallagnolo!!!

      Elimina
  2. Ma forteeeeeeeeeeeee.
    La domanda è ... ma per farlo collaborare lo narcotizzi????
    Il Pripi ormai boicotta ogni mia iniziativa!!!
    Deprimente!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti pare uno che si lascia narcotizzare? Ogni tanto mi chiede di fare cose insieme e io non me lo faccio ripetere due volte!

      Elimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?