lunedì 23 febbraio 2015

L' acca in fuga ...una favola rivisitata dall'Ometto

"C'era una volta un'Acca. Una povera Acca da poco: valeva un'acca e lo sapeva".


Questo è l'incipit di questa storia favolosa e divertentissima e adatta a bambini di età scolare.

Noi abbiamo comprato questo libro troppo presto (perchè non si può leggere la storia di una povera acca a un bimbo analfabeta) e per un po' è rimasto il libreria solo soletto mentre i suoi amici libri venivano letti e sfogliati.



Poi, qualche giorno fa è venuto anche il suo turno e il suo momento di gloria.

All'Ometto piacciono molto le favole di Gianni Rodari: divertenti e surreali al punto giusto.

Da sempre noi giochiamo con i libri. E questo io lo trovo un buon modo di sintetizzare una storia.

E se fino a poco tempo fa io proponevo un'attività legata al libro e mio figlio mi seguiva nelle mie folli idee, questa volta l'idea è stata sua e io l'ho aiutato a dare il" tocco di classe" ai suoi disegni. In pratica ho ripassato con il pennarello nero tutti i bordi dei suoi disegni.

Vi state chiedendo cosa si è inventato mio figlio? Ultimamente è attratto dai fumentti e dal potere della scrittura. Ha unito le sue passioni e ne è venuto fuori un bel fumetto.



I suoi piani erano quelli di disegnare sei tavole e di riscrivere tutta la storia poi si è stancato e si è fermato a tre tavole. Io non ho insistito perchè la lettura e la scrittura devono essere sempre e comunque dei giochi e non sdegli obblighi altrimenti si perde il gusto sia di leggere che di scrivere. Non voglio tarpare le ali di un lettore e di uno scrittore in erba e quindi rispetto i suoi tempi di seienne e mi godo il suo fumetto!




Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog