Passa ai contenuti principali

Maschera, scherzo, aneddoto: entriamo nell'atmosfera carnevalesca!


Come si fa a non partecipare? Come si fa a dire di no alla Signora Trippando?  Non ci sono riuscita per la Tombola dell'Avvento, figuriamoci se ci riesco per Carnevale!

La lettera che scelgo è la  A e la mia maschera preferita è Arlecchino.


Perché proprio lui?
Perché mi piace la sua maschera fatta di toppe. Perché è allegro e vivace. Perché canzona i potenti e cerca di imbrogliare gli avidi e i taccagni. 

Insomma, è una maschera della Commedia dell'arte che starebbe benissimo anche nel mondo attuale, che potenti avidi e taccagni proprio non mancano!

Parliamo ora di scherzi... veramente... le mie amiche ed io non facevamo scherzi... no no no... magari solo qualche fialetta puzzolente e qualche cuscinotto spernacchiotto, noi ci mascheravamo da fate e principesse e non è decoroso per una principessa fare scherzi ;) 
Almeno non fino alle scuole elementari. Alle scuole medie, poi è stata un'altra storia fatta di schiuma da barba e di strategie per tornare a casa senza sembrare un pupazzo di neve... poi per fortuna si cresce e si capisce che la schiuma da barba serve per radersi e non per impiastricciare i giacconi delle compagne di scuola! Però a me non è mai toccata la schiuma da barba sul cappotto: avevo le amicizie giuste!

Un aneddoto legato al Carnevale?
Io, da piccola, non vedevo l'ora che arrivasse Carnevale per partecipare ai girotondi che si facevano al parco giochi. Erano dei girotondi grandissimi con tanti bambini ed era veramente uno spettacolo stare in mezzo a tanti gnometti mascherati.

Ora io mi domando: il quartiere è sempre lo stesso, il parco giochi anche, ma dove sono finiti i girotondi? Dove sono i bambini in maschera che si tirano i coriandoli? Chi a deciso di non organizzare più questi giochi collettivi (che ci vuole veramente poco a organizzare un girotondo)?

Noi quest'anno, con i compagni di scuola dello Gnomo faremo una festa in maschera, ma non in piazza, in una ludoteca... però ci faranno usare i coriandoli!!! Quasi quasi mi maschero anche io!!!


Commenti

  1. si le feste maschere quelle di una volta non esistono piu', ricordo quando ero piccola io e si festeggiava a scuola c erano 4 vestiti di numero, principessa...cow boi, fatina...pagliaccio.
    ora quando giro per i negozi ne trovo a migliaia e ogni annno bisogna per forza cambiarlo altrimenti non sei alla moda..e i coriandoli...esistono anche quelli fatti da noi...ricordo che li preparavo a scuola..e che che bello che era quando arrivava la ricreazione..

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

Post popolari in questo blog

Guest Post di Decoriciclo: LA PASTA DI LEGNO

Sono tanto contenta oggi di poter ospitare il post di Daniela. Il suo blog decoriciclo mi piace un sacco e poi lei sa utilizzare, bene, tantissime tecniche.
Oggi ci parla della PASTA DI LEGNO che cos'è? Leggete il suo post!!!

Giocare con i libri: Pezzettino con i mattoncini di mais

Mi piace lavorare e pasticciare con lo Gnomo, soprattutto quando il rapporto è paritario e lavoriamo in sinergia.
Questa volta io ho proposto di giocare con i mattoncini di mais e lo Gnomo ha proposto di ricostruire i personaggi del libro di Lionni "Pezzettino" con i mattoncini.

decorazioni per Pasqua: cestino porta uova in feltro

Ho una casa in subbuglio, il trasloco è alle porte, ma io di stare con le mani in mano proprio non ci riesco! E poi anche Pasqua si avvicina e anche nel marasma scatoloni - cose da buttare - cose da lavare non vogliamo preparare almeno una piccola decorazione? Una macchia di colore nel caos?