martedì 31 maggio 2011

una lezioncina di musica (senza nessuna pretesa)

 Ho cominciato a parlare allo Gnomo anche un po' di teoria musicale, anche se magari non capisce tutto male non gli fa starmi a sentire. Cerco di farlo raccontandogli  una favola o facendogli esempi che può capire, con parole semplici (anche se poi viene fuori una spiegazione non proprio ortodossa).
Lo Gnomo sa che i tasti bianchi della sua pianola sono note e che suonati in sequenza formano una scala.
Ieri sera, dopo avermi fatto suonare la 'caletta (come la chiama lui), mi ha chiesto "e quetti nei" (e questi neri?).
Ecco come ho fatto a spiegare a un bambino di 2 anni e mezzo cosa sono i semitoni. Non è una spiegazione del tutto corretta, chiedo perdono a chi di musica ne sa più di me, ma lo Gnomo mi è stato a sentire e questo mi basta.
Ogni tasto bianco è una nota (e fin qui ci siamo). Le note però hanno le gambine piccole e non riescono a passare subito da un tasto all'altro. Per questo hanno bisogno del tastino nero che usano come se fosse un gradino. Ci sono due note che però hanno le gambe lunghe e che non hanno bisogno del tastino nero e sono il MI e il SI.
Questa è la spiegazione che ho dato allo Gnomo e che è applicabile solo alla tastiera del piano e non a tutti gli strumenti musicali, ma pazienza!!!
Non è neanche del tutto esatta come spiegazione perchè anche tra il MI e il FA e tra il SI e il DO non c'è un tono ma sempre un mezzo tono (e quindi parlare di gamba lunga non è proprio esatto), ma allo Gnomo questa cosa delle note con le gambe lunghe e con le gambe piccole è piaciuta molto.
Poi gli ho chiesto di ridirmi quello che aveva capito e si è fatto serio serio e ha cercato di ridirmi tutto quanto e a me ha fatto tanta tenerezza.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere passato di qua e aver lasciato un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog